In una sorta di epitaffio vorrei ricordare i rookie che immeritatamente non proseguiranno la corsa in questa post season e che ci hanno dato grandi gioie e momenti bonanzeschi. Non voglio fare il melodrammatico, ma i Titans ai Divisional non si possono vedere. Certo il verdetto del campo ha detto che hanno meritato la vittoria ma personalmente in vista di una bella partita avrei preferito i Chiefs. Discorso diverso per i Rams che perdono contro dei validissimi Falcons per gli altri due e’ andata cosi’ e lo accettiamo. Vorrei quindi ricordare: Cooper Kupp, Kareem Hunt, Christian McCaffrey, Matt Milano e Nathan Peterman

4) Leonard Fournette #27 RB Jaguars LSU

Dopo un primo tempo da dimenticare per tutto l’attacco dei Jags, Fournette compreso, arriva il secondo dove in dieci minuti corrono quanto tutti e due i quarti precedenti. Il secondo drive offensivo si chiude con un TD su lancio che però porta la sua firma per tutte le yards precedenti, compreso un volo verso la end zone che viene bloccato all’ultimo secondo da Alexander per i piedi.
Il resto della partita sono per lo più corse per consumare il tempo che per raggiungere la end zone.

5) Corey Davis #84 WR Titans Western Michigan

Non ho una grande ammirazione per questo giocatore e specialmente dopo questa partita le sue quotazione per me hanno toccato il fondo. Le statistiche riportano quattro ricezioni per un totale da 35 yards; la più lunga è stata di 13 yards a dimostrazione che non riesce continuamente a essere incisivo sul profondo tanto che in tutta la stagione è riuscito a compiere più di 20 yards solo quattro volte. Probabilmente il continuo gioco di slant e’ voluto per sfruttare la sua velocità dopo la presa ma i risultati a mio modesto parere mancano comunque. Come dicevo è proprio sul profondo che in questa partita mi ha lasciato perplesso: nel primo incompleto è parso fuori traccia tanto da non aspettarsi la palla che gli passa sulla testa mentre si sta ancora girando oppure quando in un’altra occasione è uscito dal campo durante la corsa per poi rientrarvi senza accorgersene. Ma l’errore più grave avviene nell’intercetto: sbaglia a correre la traccia e porta Marcus Peters, in marcatura su di lui, troppo vicino alla traccia di Walker facilitandogli la presa.
Il dio del football lo assiste e gli ha dato un’altra occasione per segnare il suo primo TD in NFL.

8) Christian McCaffrey #22 RB Panthers Stanford

Diversi snaps nella partita lo vedono posizionato nello slot mentre Stewards è running back e non è un caso infatti che il suo primo pallone lo riceva da Newton su lancio e che la sua prima corsa finisca con un meno due yards. Le corse non funzionano tanto che solo in una occasione riesce a conquistare il primo down. Come al solito molto meglio sulle recezioni dove muove la catena egregiamente e arriva con una velocità impressionante dopo la presa un TD che riapre le danze a quattro minuti dal termine. Ci mancherà sicuramente in questa post-season anche se in questa partita non e’ stato coinvolto tantissimo: 6 corse per 16 yards e 6 ricezioni su otto palloni indirizzatigli per 101 yards e un TD.

11) Marshon Lattimore #23 CB Saints Ohio St.

Si fa sentire subito su Funchess nel primo drive coprendolo egregiamente e gli resterà incollato per quasi tutta la partita come fece con Jones nei match divisionali. Il risultato e’ come sempre egregio tanto da limitarlo pesantemente con sole 3 ricezioni per 62 yards (considerate che 24 di queste yards avvengono con pochi secondi sul cronometro nel secondo quarto e vengono concesse per consumare il tempo). Le coperture sono tanto buone che le YAC saranno solo 8 quando coperto da lui. In totale i passaggi incompleti grazie al suo intervento saranno 3 tra cui uno in end zone a pochi secondi dalla fine della partita.

18)  Adoree’ Jackson #25 CB Titans USC

L’inizio della partita non è dei migliori, per be due volte perde Tyreek Hill e non è sempre presente sulle tracce. Inoltre nel terzo quarto perde la palla su un ritorno regalandola ai Chiefs in raggio da field goal. Il momento era molto positivo per i Titans ma fortunatamente per loro la palla finirà sul palo senza assegnare punti. Passano al turno successivo ma non e’ certo per merito suo, anzi contro Brady e Gronkosky specialmente ne vedremo delle belle se giocherà ancora cosi’.

26) Takkarist McKinley #98 DE Falcons UCLA

La pressione su Goff e le poche corse lunghe permesse a Gurley sono il risultato della buona linea di difesa dei Falcons. McKinley da il suo contributo con un ottimo sack nel primo quarto due stop personali su Gurley.

27)  Tre’Davious White #27 CB Bills LSU

In un primo tempo da disoccupato vista la pochezza di Bortles riesce a mettersi in evidenza con un quasi intercetto alla fine secondo quarto, ma proprio quando l’attacco dei Jags comincia a girare lui saltella colpito da crampi verso gli spogliatoi. Rientra in campo ma Jacksonville vuole consumare il tempo e di lanci nella sua zona non ce ne sono.
Non gli resta che augurare buona fortuna al suo ex-compagno di squadra Fournette.

32) Ryan Ramczyk #71 LT Saints Wisconsin

Si presenta con una vistosa gabbia a protezione del gomito destro e dovrà affrontare Julius Peppers per buona parte della gara ma questo non gli impedisce di svolgere egregiamente il suo compito, sia in protezione che sulle corse.

SHARE
Riccardo Strusani
Da Settembre a Febbraio mi isolo dal mondo occupandomi solo di NFL e delle cheerleaders di Tampa Bay. Seguo il Football da diversi lustri ma ancora fatico a seguire le traiettorie delle flags; inoltre sono riconosciuto dai più come massimo esperto dell’extreme tailgating primaverile. Come hobby cerco di dedicarmi alle cause degli indifesi e per questo ho presentato, ormai da anni, la domanda di ammissione al fronte di liberazione nani da giardino senza ricevere risposta. Sono uno storico abbonato di Game Pass, Mayfair e Mani di fata e cercherò per voi amici di Radio Bonanza NFL le notizie più curiose e intriganti dello sport più bello del mondo: il cricket.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here