Ultimo Mock Draft della Bonanza. Stanotte alle 2:00 am ora italiana comincerà il primo giro del Draft 2018, e la Bonanza sarà ovviamente in diretta! Seguite i nostri social (Facebook, Twitter, Telegram) per rimanere aggiornati su tutto, probabilmente andremo live verso l’1:30 ma comunque sui social vi terremo informati. Per partecipare insieme a noi entrate nel gruppo Telegram, dove potrete commentare in diretta tutte le scelte insieme a tanti altri appassionati. Per quanto riguarda questo mock, Gmx cercherà di capire cosa accadrà stanotte, ipotizzando anche trade e colpi di scena. Ecco a voi il mock definitivo.

(ovviamente non ne azzeccherò mezza, però sarà stato comunque divertente provare a indovinare cosa faranno i vari Gm).

1) Cleveland Browns: Sam Darnold, Quarterback, Usc

Ai Browns serve il Qb del futuro. Per adesso c’è Taylor che ha dimostrato di essere un buon titolare, Darnold deve ancora migliorare per essere un franchise qb. Stare almeno un anno (se non 2) in panchina dietro Tyrod non gli farà male.
[edit: si parla di Mayfield alla 1, sorvoliamo che è meglio…]

2) New York Giants: Saquon Barkley, Running Back, Penn State

Non è la scelta che farei io, io andrei a coprire altri need, ma nella Grande Mela sembrano essersi innamorati di questo fantastico running back. Forse è sbagliato prendere così alto un Rb, considerando anche la porosa OL dei Giants, ma una volta aggiustata quella Barkley potrebbe diventare uno dei migliori Rb della lega.

3) New York Jets: Baker Mayfield, Quarterback, Oklahoma

I Jets sicuramente prenderanno un Qb, ma quale? Allen sembra un progetto, non pronto a partire subito da titolare. Rosen preoccupa per i limiti che ha nella tasca e i tanti infortuni avuti al college. Voci dicono che l’altra metà della Mela si sia innamorata di Mayfield, Heisman nel 2017, molto preciso, un combattente. Non il più alto tra i prospetti, ma le altre sue qualità nascondono questo suo “difetto” fisico.
[edit 2: nel caso si concretizzasse Mayfield alla 1, Darnold alla 3 è la cosa più scontata]

4) Buffalo Bills: Josh Rosen, Quarterback, Ucla

TRADE! I Browns speravano di poter prendere Barkley alla 4, ma New York gli rovina la festa. Considerando i tanti need nel roster di Cleveland, decidono di prendere altri 2 primi giri e permettere a Buffalo di salire per prendere il Qb che vogliono. Rosen ha ancora molti aspetti del suo gioco da migliorare, ma sembra il miglior pocket passer del lotto, inoltre pare il più pronto per essere titolare sin da subito, cosa che ai Bills serve come il pane (ehm ehm, McCarron…..)

5) Denver Broncos: Quenton Nelson, Guard, Notre Dame

I Broncos han dichiarato che la scelta numero 5 è in vendita, ma se i Bills son già saliti, difficilmente Denver troverà una squadra disposta a salire tanto, inoltre ai Broncos non penso piacerebbe scendere di molti spot. Perciò Elway decide di rimanere alla 5 e prendere il miglior offensive lineman del draft, un colpo sicuro che metterà a posto una OL messa male e sarà titolare per moltissimo tempo.

6) Indianapolis Colts: Bradley Chubb, Edge Rusher, NC State

I Colts probabilmente l’avrebbero preso alla 3, in questo scenario Chubb rimane ancora disponibile alla 6, così Indianapolis si ritrova col giocatore che voleva e con 3 scelte in più. Chubb è un edge rusher molto completo: forte fisicamente, veloce e pronto ad attaccare i qb avversari sin dalla week 1.

7) Tampa Bay Buccaneers: Derwin James, Safety, Florida State

Ai Bucs serve un aiuto nelle secondarie. James è una gran safety, ritroverebbe il suo compagno di college Winston e darebbe sin da subito una gran mano a un reparto parso poco competitivo nel 2017.

8) Chicago Bears: Tremaine Edmunds, Linebacker, Virginia Tech

Edmunds è un progetto (ha solo 19 anni!) ma sembra il fit giusto per la difesa dei Bears. Veloce, potente, capace sia di rushare che di coprire, Fangio si sta già leccando i baffi pensando ai 1000 modi in cui può usare un talento così.

9) Arizona Cardinals: Josh Allen, Quarterback, Wyoming

TRADE! Per un ragionevole prezzo, i 49ers decidono di scendere di qualche posizione, guadagnare qualche pick in più e fanno salire in top 10 i Cardinals, alla disperata ricerca di un Qb. Arizona non è sicura di poter stare alla 15 e trovare il Qb che vogliono, per cui alla 9 prendono Josh Allen. Il ragazzo ha un gran braccio, sa lanciare profondo e fisicamente è imponente. Lascia a desiderare la sua bassa percentuale di completi al college, sicuro il 2018 lo passerà in panchina per migliorare ed essere pronto in futuro.

10) Oakland Raiders: Roquan Smith, Linebacker, Georgia

Il reparto dei linebacker dei Raiders è veramente povero di talento, Gruden e co. rimedieranno stanotte. Roquan è il prototipo del linebacker moderno: bravo nei tackle, ottimo nelle letture, efficace sia contro le corse che contro i passaggi. Forse fisicamente sotto gli standard, ma qualitativamente ottimo e pronto sin da subito a essere titolare.

11) Miami Dolphins: Vita Vea, Defensive Tackle, Washington

Perso Suh, senza Qb da draftare che piacciono a Gase, Miami opta per il grande Dt da Washington. Dovrà crescere per quanto riguarda la pass rush, ma già da ora sarebbe utilissimo contro le corse, non facendo rimpiangere Suh.

12) Cleveland Browns: Denzel Ward, Cornerback, Ohio State

In molti danno Chubb alla 4 per Cleveland, ma secondo me sarebbe un errore prendere un altro edge rusher così in alto dopo Garrett, inoltre i Browns hanno tantissimi buchi, in questo caso meglio quantità che qualità. Con la prima pick ottenuta nella trade con Buffalo, Cleveland decide di prendere un prodotto locale. Ward è forse il miglior cornerback di questa classe, potrebbe esser scelto prima della 12, ma quello che non convince è il suo fisico, forse leggermente under sized tra i pro. Tecnicamente però è un gran shutdown corner, che darà una mano sin da subito a una difesa incapace a fermare gli attacchi avversari negli ultimi anni.

13) Washington Redskins: Derrius Guice, Running Back, LSU

Altra scelta su cui non sono d’accordo, ma le ultime voci riportano un forte interesse di Washington per il ragazzo da LSU. Secondo me Thompson, Kelley e Perine è una buona batteria di Rb, ma è chiaro che Guice potrebbe essere un grande upgrade per l’attacco dei Redskins, capace anche di togliere pressione a Alex Smith e aiutarlo nei passaggi corti che tanto piacciono all’ex Kansas City.

14) New England Patriots: Lamar Jackson, Quarterback, Louisville

TRADE! Ebbene sì, i Patriots fanno trade up per un quarterback. Preoccupati che Lamar possa finire a Baltimore, salgono fino alla 14 per prendere l’erede di Brady. Certo, il gioco di Jackson è completamente diverso da quello di Tom, ma pare che a Boston siano molto convinti delle qualità dell’ex Cardinals, scommettendo su di lui quando TB12 deciderà di ritirarsi.

15) San Francisco 49ers: Mike Mcglinchey, Offensive Tackle, Notre Dame

Uno dei giocatori a cui i 49ers erano interessati è ancora sulla board. Mike McGlinchey, cugino di Matt Ryan, rinforzerebbe di molto la linea offensiva di San Francisco, dando più protezione possibile al futuro Hall of Famer Jimmy G.

16) Atlanta Falcons: Da’ron Payne, Defensive Tackle, Alabama

TRADE! Baltimore viene bruciata sul tempo da New England e non riesce a mettere le mani su Jackson. Decide quindi di scendere di 10 posizioni e lasciar scegliere Atlanta alla 16. Dimitroff è un Gm pronto a tutto per prendere il giocatore che vuole (vedi nel 2011 con Julio Jones). I Falcons hanno bisogno di un Dt di qualità da affiancare a Jarrett, Payne sembra essere l’uomo che piace tanto a Dimitroff e Quinn.

17) Los Angeles Chargers: Mincah Fitzpatrick, Defensive Back, Alabama

 

Sfumato Payne, utilissimo per migliorare la difesa su corsa di Los Angeles, i Chargers approfittano della discesa di Fitzpatrick e lo aggiungono in una difesa già piena di grandi nomi, con lo scopo di avere una no-fly-zone insuperabile.

18) Seattle Seahawks: Marcus Davenport, Edge Rusher, Utsa

Seattle dovrebbe prendere un uomo di linea, ma negli ultimi anni non ha mai fatto quello che tutti si aspettavano, perciò anche quest’anno decidono di mettere 5 manichini di fronte a Wilson per rinforzarsi in difesa. Cliff Avril potrebbe non tornare a giocare presto, Bennett è stato tradato, la D-line di Seattle si è decisamente impoverita. Davenport è un grande rusher, veloce e potente, un upgrade significativo per i Seahawks.

19) Dallas Cowboys: Calvin Ridley, Wide Receiver, Alabama

Il primo ricevitore del draft lo seleziona Dallas, andando a coprire il buco lasciato da Dez Bryant con il ricevitore migliore di questa classe. È veloce, compie ottime prese, ha il fisico per lottare uno contro uno con i cornerback avversari. Prescott sarà felice di questa scelta.

20) Detroit Lions: Taven Bryan, Defensive Tackle, Florida

Per i Lions si è tanto parlato di Guice alla 20, ma con la firma di Blount sembrano essere a posto in quel reparto (oltre al fatto che in questo scenario Guice è già andato via). Invece alla 20 accontentano il nuovo HC Matt Patricia e selezionano un Dt molto versatile, veloce e con margini di crescita enormi.

21) Cincinnati Bengals: Isaiah Wynn, Offensive Lineman, Georgia

Dopo aver preso Glenn da Buffalo, Cincinnati rinforza ancora la O-line per proteggere meglio Dalton e aprire buoni varchi per Mixon. Wynn ha giocato per tutta la sua carriera collegiale come tackle, forse tra i pro dovrà spostarsi a guardia, ma i Bengals hanno comunque bisogno in entrambi i ruoli, per cui scelgono Wynn vista la sua versatilità.

22) Cleveland Browns: Orlando Brown, Offensive Tackle, Oklahoma

Anche quest’anno i Browns scelgono 3 volte nel primo giro (almeno nel mio scenario). Il ritiro di Joe Thomas ha lasciato un buco enorme nella O-line. Brown è ricordato per la sua pessima combine, ma al college ha dimostrato di essere un ottimo giocatore, non concedendo mai nessun sack. Potrebbe sembrare un reach, ma sono i Browns, dopotutto: un colpo a sorpresa così è in pieno stile Cleveland.

23) Green Bay Packers: Josh Jackson, Cornerback, Iowa

Green Bay sa che finché c’è Rodgers in attacco il reparto è a posto. Nel Wisconsin però serve costruire una gran difesa, altrimenti si rischia l’anonimato per tanti anni. Jackson è il tipico ball hawk, capace di leggere ottimamente i lanci avversari e di creare molti turnover. Deve crescere negli uno contro uno contro i forti ricevitori della Nfl, ma il talento c’è, a Green Bay può crescere molto e diventare un top Cb.

24) Carolina Panthers: Courtland Sutton, Wide Receiver, Smu

Al momento Newton non ha ricevitori affidabili a cui lanciare, se non Funchess, comunque non un WR 1. Sutton copre un buco enorme nel roster di Carolina, aggiungendo un’arma importante a Super Cam, visto che anche Olsen prima o poi si ritirerà.

25) Tennessee Titans: Harold Landry, Edge Rusher, Boston College

I Titans hanno bisogno di pass rush, Landry è uno dei migliori rushatori di questa classe. Fit perfetto, andiamo oltre.

26) Baltimore Ravens: Rashaan Evans, Linebacker, Alabama

Se c’è una cosa che il Gm di Baltimore adora sono i giocatori di Alabama. Con Evans prende un ottimo linebacker, reduce da buone annate al college e pronto a rinforzare una già forte difesa. L’alternativa sarebbe un Wr, ma dopo le firme di Snead e Crabtree credo i Ravens non prenderanno un ricevitore nel primo giro.

27) New Orleans Saints: Mike Gesicki, Tight End, Penn State

Fleener non ha reso come ci si aspettava, Watson è troppo vecchio. I Saints devono sfruttare al massimo gli ultimi anni buoni di Brees, un tight end come Gesicki sarebbe ottimo per il gioco di passaggi di New Orleans. Deve imparare a bloccare meglio, per il resto però sembra pronto per i pro.

28) Pittsburgh Steelers: Leighton Vander Esch, Linebacker, Boise State

L’assenza di Shazier si è fatta sentire e continuerà a farsi sentire finchè Ryan non tornerà sano. Per sostituirlo, il Lb da Boise State sembra perfetto nella difesa degli Steelers.

29) Jacksonville Jaguars: Dallas Goedert, Tight End, South Dakota State

Marcedes Lewis è nella fase calante della sua carriera, trovare il suo sostituto a fine primo giro mi sembra ottimo per i Jaguars, i quali darebbero un ulteriore arma a Bortles.

30) Minnesota Vikings: Will Hernandez, Offensive Guard, Utep

Preso Cousins, ritrovato Cook, ai Vikings serve un’ottima OL per proteggere il nuovo Qb e aprire i varchi giusti per le corse dell’ex Florida State. Hernandez è una guardia molto forte che sarebbe titolare sin da subito a Minneapolis.

31) New England Patriots: Kolton Miller, Offensive Tackle, Ucla

Nonostante la trade up fino alla 14, New England riesce a tenersi la scelta 31, riuscendo a prendere l’erede di Solder. Non solo per il ruolo, ma anche fisicamente, Miller ricordo molto Nate. L’ex Bruins diventerebbe il nuovo titolare della linea offensiva pronto a proteggere Brady e, in futuro, Lamar Jackson.

32) Indianapolis Colts: Sony Michel, Running Back, Georgia

TRADE! Gli Eagles riescono a fare trade down, ottenendo più pick nei giri successivi in un affare con Indianapolis. I Colts hanno ben 3 scelte nel secondo giro, una la usano per salire a fine primo giro e assicurarsi un gran running back, capace sin da subito a giocare titolare, nel tentativo di non far rimpiangere Frank Gore.

 

Fateci sapere cosa ne pensate di questo mock. Vi aspettiamo stanotte per seguire con noi la diretta del primo giro del Draft 2018.

SHARE
Gian Maria Cartapati
Veramente vuoi sapere qualcosa su di me? Se proprio ci tieni… Sono un ragazzo cresciuto nella provincia mantovana ma emigrato a Trento per studiare Economia. Qualcuno mi definisce vecchio ma in realtà sono solo un nostalgico di tempi mai vissuti. Sono un grande appassionato di sport, cresciuto fin da piccolo a pane e motori grazie alla passione ferrarista di mio padre. Crescendo ho imparato ad apprezzare e seguire anche gli sport che prevedono una palla per essere praticati, sia essa rotonda od ovale, e grazie a Radio Bonanza posso sfogare la mia vena creativa e parlare di quello che mi ha appassionato di più sin dal primo istante. A parte studiare e scrivere di NFL, il mio poco tempo libero lo passo tra serie tv, musica e film di vario genere, ma non i cinepanettoni per carità. Son sempre stato interessato ai numeri e alle statistiche, ma ancora non riesco a leggere quelle dei miei Falcons senza bestemmiare (ho sangue veneto che scorre nelle vene, mi risulta naturale). La mia bacheca dei trofei vede un oro olimpico nel salto dell’appello e un nobel per la procrastinazione, che però non ho mai avuto voglia di andare a ritirare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here